Adottare un approccio a lungo termine è più importante che mai. Significa abbracciare la sostenibilità nelle nostre decisioni d’investimento quotidiane, nella titolarità attiva e nelle pratiche di reporting.

Responsible Investing at Pictet

Shaping a more sustainable future
play sound mute sound
70374945-DAC7-4FDC-865A-F1C68A1FFB58 Created with sketchtool.

Investire per un mondo sostenibile

Con oltre 200 anni di esperienza nel campo degli investimenti, Pictet è abituata a pensare a lungo termine. Così facendo, consideriamo non solo le esigenze e i desideri della generazione attuale, ma anche quelli delle future. Per sviluppare soluzioni d’investimento sostenibili servono lungimiranza, tempo e buone doti di fondo. Il mondo è in continua evoluzione e noi dobbiamo cambiare il modo con cui guardiamo all’investimento nel suo complesso.

«Viviamo di ciò che riceviamo, ma la nostra vita è ciò che doniamo.»

Sir Winston Churchill

Verso una forma di capitalismo più responsabile

Una platea sempre più numerosa di investitori - dai provider professionali di fondi pensione ai genitori che risparmiano per l’istruzione dei figli - si aspetta che i gestori degli investimenti incorporino nel loro processo decisionale i criteri ambientali, sociali e di governance, a fianco delle metriche finanziarie tradizionali.

La comunità degli investitori è una forza molto importante per per determinare un cambiamento in positivo, guidare il progresso e finanziare le nuove tecnologie. Pictet e molti dei nostri clienti allocano il capitale in modo da finanziare l'economia reale, avendo a cuore le esigenze delle generazioni future. Stiamo sviluppando un approccio più ampio all’investimento, realizzando un processo migliore e più robusto in grado di fornire rendimenti sostenibili elevati.

Siamo impegnati a favore dell’investimento responsabile e vogliamo avere un ruolo attivo nell’incoraggiare la finanza sostenibile. Il nostro settore deve essere orientato verso un pensiero più inclusivo riguardo alle persone, al Pianeta e ai portafogli d’investimento, elementi inestricabilmente collegati nel lungo periodo.

Per Pictet, misurare e condividere l’impatto dell’investimento è cruciale per fornire la trasparenza che fa la differenza tra l’autentica integrazione e la semplice spunta di una casella. A tal fine, stiamo concretamente integrando gli aspetti ambientali, sociali e di governance (ESG) nei nostri processi d’investimento e nelle pratiche di risk management e reporting, con riflessi anche a monte nella nostra ricerca economica e analisi finanziaria.

 

I rischi di sostenibilità

Le entità del Gruppo Pictet integrano i rischi di sostenibilità nel processo decisionale degli investimenti, nella consulenza per gli investimenti e nella consulenza assicurativa per i prodotti da esse gestiti attivamente, tenendo conto delle specificità dei prodotti e dei servizi e delle normative applicabili a livello locale. Nelle nostre attività di analisi e ricerca finanziaria, di investimento, di risk management e di servizi di consulenza, attribuiamo particolare importanza all’inclusione di dati ambientali, sociali e di governance di elevata qualità nella valutazione degli emittenti societari. A questo proposito abbiamo sviluppato una scorecard ESG proprietaria che fornisce un giudizio focalizzato sui rischi e le opportunità ESG. La nostra scorecard ESG è basata su una attenta selezione degli elementi e dei dati più significativi in quattro pilastri: corporate governance, prodotti e servizi, rischi operativi e controversie. Analogamente, nella selezione dei gestori esterni affrontiamo sistematicamente le problematiche ESG con i nostri partner d’investimento e ove necessario incoraggiamo i miglioramenti delle pratiche attuali. Abbiamo sviluppato un apposito questionario ESG in merito all’impegno dei nostri partner d’investimento in materia ESG, al livello dell’integrazione ESG nei loro processi e nella loro operatività nonché alle problematiche di reporting e di trasparenza. Pictet & Cie (Europe) S.A. e le sue succursali applicano i princìpi fondamentali relativamente alla condotta d’impresa responsabile, con particolare attenzione per la strategia aziendale dell’impresa in cui si investe, il team manageriale dell’impresa e la sua leadership effettiva, la sua solidità finanziaria, la sua struttura del capitale, la valutazione equa dei titoli emessi, i rischi e le opportunità di sostenibilità e gli effetti negativi degli investimenti sulla società e/o l’ambiente.

I principali effetti negativi

Pictet & Cie (Europe) S.A. e le sue succursali intendono rispettare il Regolamento (UE) 2019/2088 per quanto riguarda i principali effetti negativi e considerare i principali effetti negativi nelle decisioni d’investimento relativamente ai fattori di sostenibilità nelle loro attività di gestione di portafoglio e di consulenza. Pictet & Cie (Europe) S.A. e le sue succursali stanno gradualmente integrando la considerazione degli effetti negativi sull’ambiente e la società nei loro processi di due diligence unitamente ai rispettivi rischi finanziari e ai rispettivi rischi di sostenibilità. Questo comprenderà informazioni come l’intensità di carbonio di un investimento, o il livello di gravità delle controversie sociali e ambientali. L’obiettivo finale è la riduzione di questi impatti negativi nel tempo.»

Le entità del Gruppo Pictet nell’Unione europea diverse da Pictet & Cie (Europe) S.A. e Pictet Asset Management (Europe) S.A. aderiscono agli obiettivi fissati dal Regolamento (UE) 2019/2088 per quanto riguarda i principali effetti negativi, ma hanno scelto di non impegnarsi per il momento ad assicurare la conformità. Il motivo più importante per cui esse non stanno attualmente prendendo in considerazione gli effetti negativi è l’assenza di dati in quantità e di qualità sufficiente per consentire di definire le metriche significative per la comunicazione. Le entità del Gruppo Pictet in questione intendono monitorare attentamente la posizione del settore e aggiornare il loro approccio a tempo debito, sulla base dell’evoluzione di quest’ultima e della disponibilità di ulteriori indicazioni normative.

Il Gruppo Pictet ha aderito a diversi codici internazionali e svizzeri sull’investimento responsabile, impegnandosi a rispettarli. Inoltre, come descritto nelle «Ambizioni in materia di responsabilità e sostenibilità per il 2025» (Sustainability & Responsible Ambitions 2025) del Gruppo, è nostra intenzione non solo di prendere in considerazione, ma anche ove possibile di mitigare gli effetti negativi significativi che possono verificarsi per effetto dei nostri investimenti e della nostra operatività. Per farlo in modo appropriato, verifichiamo che questi impegni si estendano a tutte le entità del Gruppo Pictet e che queste ultime vi aderiscano. Stiamo inoltre esaminando i dati disponibili e definendo le metriche significative per l’informativa. Prevediamo di essere in grado di raggiungere la conformità entro la fine del 2022.

Eliminare l’esposizione di bilancio verso i produttori e estrattori di combustibili fossili

Il Gruppo Pictet annuncia che ha deciso di eliminare l’esposizione di bilancio (lorda e netta) verso i produttori e gli estrattori di combustibili fossili (petrolio e gas, carbone termico)1. Questi asset, pari a CHF 250 milioni al 31 dicembre 2019, sono già stati ridotti del 95% e verranno azzerati entro la fine del 2020.

«Riteniamo che, a prescindere dall’azione collettiva del settore pubblico verso una economia carbon neutral, le imprese del settore privato debbano fare tutto il possibile per ottenere progressi verso questo obiettivo in modo indipendente. Avendo il pieno controllo del nostro bilancio, questa è una iniziativa che possiamo attuare ora.»

Renaud de Planta Socio senior

Leggere la dichiarazione completa del Gruppo Pictet

1Definiti come le imprese che traggono più del 25% dei loro ricavi da attività carbon intensive di quel tipo.

Politica di esclusione

Fin dal 2011, il Gruppo Pictet applica una rigorosa politica per escludere le aziende coinvolte nelle armi controverse da tutte le sue strategie a gestione attiva. Queste armi possono ferire in modo indiscriminato o sproporzionato, e il loro utilizzo è vietato o strettamente limitato dalle convenzioni internazionali*.

Esse comprendono le munizioni a grappolo, le mine antipersona, le armi biologiche e chimiche, nonché le armi nucleari prodotte per paesi che non hanno sottoscritto il Trattato di non proliferazione nucleare.

Nell’ambito di questo impegno, ad agosto 2018 Pictet - che è membro del board di Swiss Sustainable Finance (SSF) - ha avviato una iniziativa in collaborazione con SSF finalizzata ad escludere i produttori di armi controverse dagli indici e benchmark principali.

Ad oggi l’iniziativa ha ottenuto il supporto di 140 firmatari - investitori istituzionali e asset manager - che controllano patrimoni per USD 6,9 trilioni.

Lettera aperta ai provider degli indici globali

A fine gennaio 2019, SSF ha inviato la sua «Lettera aperta ai provider di indici globali per l'esclusione delle armi controverse» per aumentare la loro consapevolezza e ottenere il loro supporto.

«Una coalizione globale di investitori sta facendo pressione sui provider degli indici per togliere i produttori di armi controverse dai loro benchmark principali».

The Financial Times Dicembre 2018

«I provider degli indici devono riflettere sulle aspettative e le pratiche degli investitori», insiste Eric Borremans, Head of Environmental, Social and Governance presso Pictet Asset Managmeent, aggiungendo che se tali esclusioni venissero incorporate nelle regole di costruzione degli indici, si alzerebbe la posta per imprese coinvolte in tali attività e verrebbe promossa una maggiore trasparenza.

La responsabilità presso Pictet

I nostri opuscoli forniscono una visione completa dell’approccio del Gruppo Pictet riguardo alla sostenibilità e all’investimento responsabile.